Persone e natura nell’Appennino tosco-emiliano

20,00

Curatrice: Alessandra Curotti
ISBN: 9788881038343
Misure: 13X21 cm
Pagine: 165
Pubblicato: Luglio 2016
SCONTO DEL 15% al momento dell'acquisto

Descrizione

Persone che hanno a cuore l’Appennino, che ci vivono e/o lavorano da tempo: Alessandra curotti attiva per il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano con la collaborazione di Elena confortini e Filippo Lenzerini di Punto 3 srl (www.punto3.info); di Dolomiti Project srl (www.dolomitiproject.it): Emiliano Oddone, Stefano Furin e Rechele Lodi. Insieme, anche se sembra strano immaginare una compagine così, sospesa fra Dolomiti e Appennino. Le Dolomiti riconosciute patrimonio dell’umanità e altre montagne che si affiancano idealmente, in un percorso che possa portare a un altro riconoscimento, diverso da quello dolomitico, ma anch’esso intriso di eredità e di significati. L’Appennino, scrigno di valori basilari per risignificare gli equilibri possibili fra uomo e natura, riassume per noi e per l’umanità un’opportunità per liberare passi adeguati, a far sì che il pianeta possa girare più armoniosamente. L’associazione temporanea di impresa fra i soggetti sopra nominati, nata per sostenere il processo di candidatura, ha dato il suo contributo nell’interpretare i valori di questo splendido tratto di Appennino in un’ottica orientata dal programma MAB-UNESCO (Man and Biosphere Reserve). L’analisi del territorio, lo studio delle fonti, la collaborazione alla definizione delle sintesi e delle strategie, la scelta della zonizzazione e la scrittura del dossier hanno motivato i pensieri e le azioni del gruppo di lavoro sempre coadiuvate dal preparato e appassionato personale dell’Ente Parco. Il percorso è stato un successo. Siamo coautori del Dossier di candidatura dell’Appennino Tosco Emiliano a Riserva di Biosfera: lo scriviamo davvero con un’enorme gratitudine e soddisfazione.

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Dimensioni 21 x 13 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Persone e natura nell’Appennino tosco-emiliano”