A debita distanza. Kierkegaard, Kafka, Kleist e le loro fidanzate

16,00

Autore: Marco Vozza
ISBN: 9788881034543
Misure: 13X21 cm
Pagine: 176
Illustrazioni: No
Pubblicato: Ottobre 2005
SCONTO DEL 15% al momento dell’acquisto

Descrizione

Un’unica, intensa, incoercibile volontà di sottrazione alle ordinarie dinamiche del mondo accomuna Kleist, Kierkegaard e Kafka, solidali nell’intento di prender congedo dalle rispettive fidanzate o, perlomeno, di mantenerle rigorosamente a debita distanza. L’ambivalenza della solitudine – subìta ma anche ricercata – è esemplificata da una parabola di Schopenhauer: «Una compagnia di porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono le spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro. Quando poi il bisogno di riscaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripeté quell’altro malanno, di modo che venivano sballottati avanti e indietro fra due mali, finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione». Il dilemma originario dei porcospini sembra adattarsi bene al senso della nostra esperienza: la solitudine è intollerabile, ma gli aculei della vicinanza sono ancor più dolorosi.

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Dimensioni 21 x 13 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “A debita distanza. Kierkegaard, Kafka, Kleist e le loro fidanzate”