Il castello di Atlante

 

 

Ezra Pound e il Canto dei Sette Laghi

Titolo: Ezra Pound e il Canto dei Sette Laghi
Curatrice: Maria Costanza Ferrero De Luca
ISBN: 9788881033798
Misure: 13X21 cm
Pagine: 112
Illustrazioni: 24 immagini b/n più allegato facsimile a colori dell’album originale
Pubblicato: Giugno 2004
Prezzo di copertina: € 30,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 25,50

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Il volume riproduce per la prima volta integralmente il prezioso tekagami, album artistico seicentesco appartenuto ad Ezra Pound, che lo ispirò, verso il 1935, per la produzione del Canto dei Sette Laghi. Esso offre inoltre la possibilità di seguire l’affascinante processo di traduzione e nuova creazione, che ha portato alla stesura di quella che può essere considerata la “chiave di volta dei Cantos”.


Geografie del narrare

Titolo: Geografie del narrare
Autore: Marco Sironi
ISBN: 9788881032678
Misure: 16X23 cm
Pagine: 288
Illustrazioni: 15 immagini a colori
Pubblicato: Marzo 2004
Prezzo di copertina: € 22,50
Sconto del 15% applicato al carrello € 19,12

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Un libro che racconta , con partecipe passione critica ed ermeneutica e attraverso un percorso scelto di scatti , la così forte attenzione ai luoghi della terra del fotografo Luigi Ghirri e dello scrittore Gianni Celati . Interpreti come pochi della dimensione universale, celata agli sguardi disattenti, della pianura. Due eccezionali interpreti dello sguardo, amici e dialoganti. Secondo Sironi, infatti, gli autori di Atlante e di Narratori delle pianure hanno sviluppato una speciale attenzione ai luoghi come nodo cruciale dell’esistenza, chiedendosi quale lingua usare per descriverli e quale nome dare – in un paesaggio dominato dallo sradicamento e dalla perdita – al desiderio di “tornare a casa”, alla volontà di ristabilire un rapporto affettivo con ciò che si abita, con la terra di cui e da cui siamo. Un’indagine sui luoghi che procede per ipotesi, topografie, mappe sui racconti scritti e fotografati.


Per un ritratto dello scrittore da mago

Titolo: Per un ritratto dello scrittore da mago
Autore: Paolo Lagazzi
ISBN: 8881038115
Misure: 13X21 cm
Pagine: 128
Illustrazioni: No
Pubblicato: Febbraio 1994
Prezzo di copertina: € 10,33
Sconto del 15% applicato al carrello € 8,78

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Prendendo spunto dalla studio di Jean Starobinski sul saltibanco, il libro nasce dal desiderio di spostare l’indagine del critico ginevrino su una figura prossima a quella del funambolo, ma insieme sottilmente diversa: il mago (nel senso, anzitutto, di prestigiatore). Anche nei gesti del prestigiatore, scrive Lagazzi, possiamo riconoscere uno degli emblemi più eleganti e vertiginosi dell’arte contemporanea. Il riconoscimento non è, in realtà, così pacifico come potrebbe sembrare. Per un topos inveterato, è quasi sempre in senso negativo che la critica individua in un’opera il marchio del trucco o dell’illusione. Quale stile più di quello dell’escamoteur viene bollato, in genere, come il frutto di un mestiere limitato e volgare? Ma Lagazzi, che prima di diventare critico letterario ha coltivato il gioco dell’illusionismo (fino a calcare le scene con il fratello gemello), ci invita a oltrepassare il topos: a riconoscere nell’arte del prestigiatore una lezione di grazia e d’incanto più che mai preziosa in un ‘età che sembra fare del nichilismo, della dissipazione di ogni stupore, del rifiuto sospettoso della leggerezza la propria virtù. Il libro, scartando dagli obblighi della sistematicità, tocca luoghi e momenti della scrittura contemporanea, ricchi di valenza magiche, metamorfiche e illusionistiche: Bontempelli, Zavattini, Baudelaire, Wells, Flaubert, James e Van Doderer, Bruno Barilli, i maghi del giallo, Pietro Citati. Queste pagine celebrano (scrive Valerio Magrelli nella prefazione) la “fase sorgiva dell’atto letterario” e, in controluce ad essa, la possibilità di un taglio gioioso, pregnante e liberatorio, dell’esercizio critico.


Il retablillo di Don Cristobal

Titolo: Il retablillo di Don Cristobal
Autore: Federico Garcia Lorca
ISBN: 9788881033895
Misure: 13X21 cm
Pagine: 64
Illustrazioni: No
Pubblicato: Febbraio 2003
Prezzo di copertina: € 11,50
Sconto del 15% applicato al carrello € 9,77

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Aver scelto un adattamento specifico del “Retablillo di Don Cristobal” – il copione di scena di Buenos Aires – contiene il palese invito a leggere e interpretare il teatro di burattini di Lorca come un testo non completamente codificato. La sua struttura doveva permettere, infatti, alcune variazioni determinate dalla circostanza rappresentativa singola , dal paese, dalla serata particolare, dall’intervento dell’autore invece che di un attore, e così via. Del resto l’assenza di un testo sicuro di riferimento ha consigliato di scegliere, al di là delle ragioni insite nel teatro popolare di burattini, una copia di scena realmente realizzata. La rappresentazione ebbe luogo a Buenos Aires nel 1934, e coincise con il saluto e il ringraziamento di Lorca agli amici argentini. Queste stesse motivazioni hanno consigliato il tipo di traduzione: funzionale a una messa in scena liberata dai condizionamenti feticistici che un nome come quello di Lorca consiglia, ma non sempre, necessariamente, dovrebbe imporre. La mancanza di una traduzione moderna, poi, è stata la molla di questa “avventura” tra due ispanisti e una casa editrice attenta ai fattori linguistici e culturali, alle realtà reginaoli e al dialetto, che qui si è voluto privilegiare.


1782. Studi di italianistica

Titolo: 1782. Studi di italianistica
Autore: William Spaggiari
ISBN: 9788881032821
Misure: 16X23 cm
Pagine: 288
Illustrazioni: No
Pubblicato: Marzo 2004
Prezzo di copertina: € 21,50
Sconto del 15% applicato al carrello € 18,27

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

L’anno 1782 segna un momento decisivo nella storia della cultura europea e italiana fra secolo dei Lumi e Restaurazione : terminata oltre l’oceano la guerra d’Indipendenza, in Europa, a Vienna, Pio VI si incontra con Giuseppe II, Imperator Optimus, campione delle riforme illuminate. Anche Pietro Metastasio assiste all’evento: le sue Opere allora appena stampate insieme alle Rime ufficiali dei Poeti d’Arcadia sono i monumenti alla gloria di un secolo ormai esaurito. In dieci saggi , dedicati ad altrettanti protagonisti maggiori e minori della cultura europea fra Sette e Ottocento – poligrafi, viaggiatori, esuli – ordinati e raccolti intorno al 1782 come un momento cruciale della cultura italiana, fino alla frammentazione e alle spinte centrifughe del periodo romantico, William Spaggiari esercita il suo rigoroso e fine lavoro di italianista.


Mondi infiniti di Luigi Ghirri

Titolo: Mondi infiniti di Luigi Ghirri
Curatrice: Ennery Taramelli
ISBN: 9788881032120
Misure: 16X23 cm
Pagine: 160
Illustrazioni: 100 fotografie a colori di Luigi Ghirri
Pubblicato: Settembre 2005
Prezzo di copertina: € 30,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 25,50

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Il paesaggio della bassa, le villette geometrili in provincia di Modena, le spiagge sull’Adriatico… sono luoghi consueti, quotidiani. Luigi Ghirri, magistrale interprete dello sguardo, ha saputo restituire dignità ai paesaggi più ovvi, al punto che la migliore definizione della sua fotografia è forse quella di Walker Evans, uno dei fotografi che Ghirri amava di più: le sue fotografie sono come carezze fatte al mondo. Curatrice di alcune delle sue mostre più belle (Luigi Ghirri, Vista con camera), Ennery Taramelli presenta per la prima volta una monografia critica sui Mondi infiniti di Luigi Ghirri: alla parte saggistica, composta di due saggi sulla prima produzione del fotografo e quella dei due libri del 1989, Paesaggio italiano e il Profilo delle nuvole, fanno da fulcro le sue immagini, nell’ottica – tutta ghirriana – del pensare per immagini. Nella fotografia di Ghirri, suggerisce l’autrice, le immagini disegnano un racconto del proprio ritorno a casa, in un paesaggio che coniuga felicemente paese e universo, microcosmo geografico e cosmo interiore, infanzia biografica e infanzia del mondo, contro le immagini anestetiche e anaffettive del mondo moderno.


La letteratura e l’inquietudine dell’assoluto

Titolo: La letteratura e l’inquietudine dell’assoluto
Autore: Jean-Pierre Jossua
Curatrice: Ennery Taramelli
ISBN: 8881032414
Misure: 13X21 cm
Pagine: 152
Illustrazioni: No
Pubblicato: Ottobre 2005
Prezzo di copertina: € 12,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 10,20

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Jean-Pierre Jossua, padre domenicano che ha partecipato al Concilio e alle riflessioni che l ‘hanno preceduto e accompagnato, è teorico di una teologia della letteratura che insegna a leggere criticamente un testo in modo teologicamente significativo. Perché questo avvenga, Jossua ipotizza la nascita di una teologia letteraria che sappia essere mediatrice, rigorosa, personale ed essenziale unita ad una “scrittura teologica”, non necessariamente religiosa, che sia ispirata ad una poetica del trascendere. Questa proposta teorica si sviluppa lungo un affascinante percorso di cinque casi concreti di “teologia letteraria”, cinque autori diversi per provenienza geografica e scelta del genere letterario: Miguel de Unamuno, Katherine Mansfield, Peter Handke, Philippe Jaccottet e le poetesse Cristina Campo, Margherita Guidacci e Maria Luisa Spaziani.


Slovenica

Titolo: Slovenica
Autore: Miran Kosuta
ISBN: 8881034107
Misure: 13X21 cm
Pagine: 224
Illustrazioni: No
Pubblicato: Gennaio 2006
Prezzo di copertina: € 16,50
Sconto del 15% applicato al carrello € 14,02

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Trieste è la città mitteleuropea dalla “doppia anima”, crogiuolo di lingue e culture, dove l’universo italiano e romanzo incontra quello sloveno e slavo. Il volume indaga, con lo strumento del saggio letterario, l’incontro di mondi, il complesso rapporto interetnico (non ancora interculturale ) tra italiani e sloveni, da sempre in bilico tra amore e disamore, conoscenza e insipienza, slancio e diffidenza, collaborazione e chiusura. Dal triestinissimo microcosmo letterario di Vladimir Bartol, autore del sorprendente e profetico Alamut, lo sguardo si allarga al Friuli-Venezia Giulia, ai suoi letterati e artisti di lingua slovena, all’Italia e al dialogo traduttivo tra le lettere di Dante e quelle di Preseren, per spaziare sulla dimensione concettuale della Mitteleuropa, sulle fortune slovene di Francesco Petrarca e spingersi infine nell’immenso mondo narrativo, poetico e teatrale slavo dell’Europa orientale. Favorire l’incontro fra le culture italiana e slovena, in particolare tra la letteratura slovena e la penisola appenninica, svelare le ricchezze dell’una all’altra, è lo spirito che permea il libro. Può darsi dunque che questo nostro (vero e immaginario, autentico e falso o quantomeno spesso falsificato) crogiuolo di culture, in cui siamo nati e viviamo in questa zona di frontiera, sia ancora di là da venire… Nell’attesa o meglio nel cammino verso questo futuro il nostro compito è quello di sfatare, anche con l’irrisione se necessario, il mito menzognero e insieme lavorare per realizzare quella verità che esso fa balenare pur nella distorsione e che, nonostante tutto, a tratti è stata ed è una realtà. Claudio Magris


Atlante delle derive

Titolo: Atlante delle derive
Autore: Giulio Iacoli
ISBN: 8881033933
Misure: 16X23 cm
Pagine: 168
Illustrazioni: No
Pubblicato: Ottobre 2002
Prezzo di copertina: € 13,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 11,05

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Caratteri e specificità di un paese, come di un territorio, possono rendere ragione della sua cultura. Soprattutto quando si tratta di letteratura, racconto. Oggi che tutto si è complicato, non è più così semplice interpretare la letteratura a partire dai luoghi in cui è scritta o di cui si scrive. Forse la causa di ciò è nella deriva a cui è sottoposto il linguaggio locale, compresso com’è fra illusorietà dei tanti e diversi linguaggi e volontà di omologazione. A restituirci l’immagine di una letteratura che si scontra con la civiltà e la tecnica, è dedicato questo Atlante delle derive dedicato a due punti alti ed esemplari di esse: le poetiche tutte “emiliane” di Pier Vittorio Tondelli e Gianni Celati, che hanno fatto letteratura dai luoghi e sui luoghi fotografati da Luigi Ghirri.


Pier Vittorio Tondelli. Attraversare l’attesa

Titolo: Pier Vittorio Tondelli. Attraversare l’attesa
Autore: Antonio Spadaro
ISBN: 8881031086
Misure: 16X24 cm
Pagine: 168
Illustrazioni: No
Pubblicato: Dicembre 1999
Prezzo di copertina: € 12,91
Sconto del 15% applicato al carrello € 10,97

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Quale significato può avere oggi attraversare i testi di Pier Vittorio Tondelli ? A quali domande rispondono ? Come continuano ad interrogarci? In un itinerario entusiasmante che prende le mosse dal primo romanzo, inedito, dello scrittore e ripercorre tutta quanta la sua produzione, da Altri libertini alle tre antologie Under 25, Antonio Spadaro risponde a questi interrogativi. Nel seguire il tracciato cronologico dei testi, il libro ricompone «una linea ampia di lettura alla ricerca del sostrato di umanità che emerge dalle pagine dello scrittore, le sue tensioni interne, il divenire dell’ispirazione letteraria: la sua “moralità” nel senso più radicale del termine». Davanti al lettore torna così a prendere forma la biblioteca da cui nacquero i libri di Tondelli, i tasselli del suo pensiero, fuori dagli stereotipi consueti di «libertinaggio», « omosessualità», «malinconia». Era lo stesso Tondelli , del resto, a dirlo: compito della critica dovrebbe essere «capire l’orizzonte da cui nasce un testo, perché nasce in quel modo, quali sono le sue radici».


Laboratorio Under 25

Titolo: Laboratorio Under 25
Autore: Antonio Spadaro
ISBN: 8881031981
Misure: 16X24 cm
Pagine: 272
Illustrazioni: No
Pubblicato: Aprile 2000
Prezzo di copertina: € 15,49
Sconto del 15% applicato al carrello € 13,16

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

L’autore propone una rivisitazione del progetto tondelliano “Under 25”, che ebbe un ruolo centrale nella promozione della scrittura giovanile degli anni Novanta. Con questa iniziativa, Tondelli cercava di costruire «un progetto collettivo in cui la dimensione di scambio era vissuta “a distanza” attraverso lettere e invio di manoscritti»: operare in una dimensione di gruppo, in ciò consisteva la sua originalità. Attraverso il progetto furono pubblicate tre antologie: Belli & perversi, Papergang, Giovani blues. In esse l’autore individua tre nuclei tematici e narrativi: inquietudini della formazione, cifre dell’esistenza, scritture di provincia e periferia, nei quali inserisce i successivi percorsi dei giovani che hanno pubblicato nel progetto tondelliano, e che ora camminano autonomamente per strade proprie. Il suo è un invito a guardare ad “ Under 25” per dare spazio alle nuove generazioni, alla loro creatività e al loro modo di essere, «in un continuo e implacabile “corpo a corpo ” con se stessi».


Marie d’Agoult

Titolo: Marie d’Agoult. Autoritratto di un’intellettuale romantica
Autrice: Laura Colombo
ISBN: 8881030403
Misure: 16X24 cm
Pagine: 224
Illustrazioni: 8 immagini in b/n
Pubblicato: Dicembre 1997
Prezzo di copertina: € 14,46
Sconto del 15% applicato al carrello € 12,29

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Bionda, altera, affascinante e aristocratica, Marie d’Agoult (1805-1876) lascia marito, figlia e una posizione sociale invidiabile per fuggire con Franz Liszt e incarnare con lui l’ideale della coppia romantica. Al suo fianco, in Svizzera, in Italia, incontra la bellezza e l’arte, conosce Lamartine, Ingres, Chopin e George Sand. Da lui ha tre figli, tra cui Cosima, futura moglie di Wagner. Dopo gli Anni di pellegrinaggio , esaltato e tormentato, a cui deve la sua fama, ritrova un’altra se stessa. A Parigi, sola, compromessa, costruisce il suo capolavoro: la sua nuova vita di scrittrice e giornalista con lo pseudonimo di Daniel Stern . Nel suo salotto passano Balzac, Hugo , Vigny, Emerson e tutta l’intellighenzia liberale europea. All’Italia e al Risorgimento dedica scritti appassionati, apprezzati da Cavour, Vittorio Emanuele II e Mazzini. Questo “autoritratto” italiano lascia spesso la parola alla scrittice , di cui sono qui tradotti per la prima volta preziose pagine autobiografiche e documenti inediti.


Casa Maillard

Titolo: Casa Maillard
Autore: Andrea Pasquino
ISBN: 8881030233
Misure: 13X21 cm
Pagine: 136
Illustrazioni: No
Pubblicato: Settembre 1996
Prezzo di copertina: € 11,88
Sconto del 15% applicato al carrello € 10,09

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

L’agonia del neopositivismo è la dimostrazione di quanto sia oggi impossibile fissare verità e certezze definitive. In questa ottica il libro è una raccolta di riflessioni sull’esperienza religiosa nella storia del pensiero filosofico: da Hegel all’esistenzialismo di Sartre, dal cristianesimo contemporaneo a Levinas. La domanda sul senso della relazione uomo -Dio è la chiave per cogliere la reale essenza delle cose . E l’esperienza religiosa riacquista così il suo peso e il suo significato.


Scienza e poesia in Paul Valéry

Titolo: Scienza e poesia in Paul Valéry
Curatrice: Maria Teresa Giaveri
ISBN: 8885258026
Misure: 13X21 cm
Pagine: 289
Illustrazioni: No
Pubblicato: Marzo 1992
Prezzo di copertina: € 15,49
Sconto del 15% applicato al carrello € 13,16

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Questo libro nasce da un decennio di rilettura dell’opera di Paul Valéry: un’opera che si è rivelata complessa, accidentata, non-finita e infinitamente mobile. Le scienze innervano l’opera di Valéry, dall’infinito “sistema e non-sistema” dei Cahiers alle rare e raffinate pagine di Charmes. Sono qui raccolti gli interventi di matematici, fisici e medici tenuti all’Università di Montpallier in occasione dell’incontro “Actualité de la pensée scientifique de Valéry ”. A queste si uniscono testimonianze di area italiana e, grazie al prezioso suggerimento di Agathe Valéry, il volume si apre con le introvabili riflessioni sulla scienza di Valéry stesso.


Comparoni e ‹‹l’altro››

Titolo: Comparoni e ‹‹l’altro››. Sulle tracce di Silvio D’Arzo
Autore: Paolo Lagazzi
ISBN: 8885258034
Misure: 13X21 cm
Pagine: 144
Illustrazioni: No
Pubblicato: Novembre 1992
Prezzo di copertina: € 11,36
Sconto del 15% applicato al carrello € 9,65

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Nessun narratore del Novecento ha scontato la sua originalità in un così profondo destino di solitudine – o d’invisibilità – come Silvio D’Arzo (lo pseudonimo preferito di Ezio Comparoni ). “La sua figura dolce e fiera, sognatrice e temeraria” – ha pur scritto Attilio Bertolucci – è “rimasta a turbare la coscienza di quanti credono in una letteratura non effimera”; ma alla quotazione altissima della sua opera, presso i conoscitori, ha sempre corrisposto la disattenzione pressochè totale del grande pubblico. Non molto più felice è la situazione dello scrittore sul piano critico. Nonostante lavori di scandaglio anche ottimi (come quelli di Anna Luce Lenzi e di Eraldo Affinati) e un convegno svoltosi a Reggio Emilia, infiniti problemi restano aperti nel campo degli studi darziani, sia sul piano dell’accertamento filologicotestuale che su quello propriamente interpretativo. Pur senza addentrarsi in questioni di carattere strettamente filologico, e fuori da ogni disegno di taglio monografico, i saggi di Paolo Lagazzi qui raccolti offrono spunti di notevole rilevanza critica: con essi ogni futura indagine sullo scrittore non potrà evitare di misurarsi. Completa il volume uno straordinario racconto di D’Arzo, scritto probabilmente intorno al 1950 e intitolato Una storia così (qui edito per la prima volta integralmente ). Il racconto è tra i più delizioni divertissement darziani.


Se il conte non fosse stato innamorato

Titolo: Se il conte non fosse stato innamorato
Autrice: Simonetta Micale
ISBN: 8881032899
Misure: 13X21 cm
Pagine: 219
Illustrazioni: No
Pubblicato: Novembre 1994
Prezzo di copertina: € 15,49
Sconto del 15% applicato al carrello € 13,16

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Ogni romanzo vive di opzioni e di esclusioni e nasce da una scelta che interviene a modificare una situazione di equiprobabilità: in tale atto perennemente ripetuto di rinuncia (negazione cratrice, morte che genera vita) si compie la drammatica coincidenza con la vita e si esprime l’autentica natura mimetica della letteratura e più in generale dell’arte. Sul crinale che divide la prospettiva storica d quella narratologica, questo studio mette dunque progressivamente a fuoco la nozione di virtualità narrativa e individua, nello svolgersi della storia letteraria, il prevalere di questa o quella forma di virtualità. In quanto si vive parte di una narrazione diffusa, in quanto pensa se stesso come addensamento casuale di materiali e di forme, il nouveau roman sembra portare con sé il proprio orizzonte e la propria trascendenza, rappresentata dalla totalità di cui fa parte. Proponendosi come segmento di un più vasto racconto e rinviando all’entità assente a cui appartiene, esso definisce così “nuovi” modelli di virtualità. Ne discendono, nei testi più rappresentativi di Marguerite Duras, di Michel Butor, di Claude Simon e di Alain Robbe-Grillet , sviluppi tematici (problematiche della conoscenza, dell’identità, del rapporti co l’altro e con la realtà) e specifici meccanismi di scrittura che si caratterizzano per un generarsi virtualmente infinito del testo.


Brunella Gasperini. La rivoluzione sottovoce

Titolo: Brunella Gasperini. La rivoluzione sottovoce
Autrice: Marina Tommaso
ISBN: 888103056X
Misure: 16X24 cm
Pagine: 224
Illustrazioni: No
Pubblicato: Novembre 1994
Prezzo di copertina: € 14,46
Sconto del 15% applicato al carrello € 12,29

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Notissima giornalista e scrittrice, Brunella Gasperini negli anni Sessanta e Settanta fu la voce più autorevole che, dalle pagine della stampa femminile italiana (soprattutto di «Annabella»), accompagnò la trasformazione e la rivoluzione dei costumi. L’epoca della ricostruzione e del boom economico ha trovato in lei uno sguardo lucido e attento; gli anni delle grandi battaglie (dal divorzio all’aborto e alla parità dei diritti) l’hanno avuta come protagonista appassionata. Il libro di Marina Tommaso è la prima e unica opera dedicata a Brunella: una biografia che traccia anche la storia delle donne italiane fino alla fine degli anni Ottanta; un’analisi critica che colloca al giusto posto una fra le voci più originali della letteratura contemporanea al femminile.


Raymond Queneau

Titolo: Raymond Queneau
Autore: Andrea Pasquino
ISBN: 8881030292
Misure: 13X21 cm
Pagine: 184
Illustrazioni: No
Pubblicato: Settembre 1996
Prezzo di copertina: € 15,49
Sconto del 15% applicato al carrello € 12,29

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Classico e surrealista, matematico e poeta; geniale, sovversivo e ironico. Successore di Jarry alla guida del collegio di Patafisica, fondatore dell’OULIPO, Maestro di “folle saggezza letteraria “, compagno di Boris Vian e ispiratore di almeno due generazioni di scrittori da Perec a Pennac: tutto ciò e molto altro ancora è Raymond Queneau. Questo libro vuole essere al tempo stesso un omaggio e un esame critico dell’opera di questo autore d’eccezione. L’indagine pone l’accento sulla complessa alchimia culturale che permette a Queneau di distillare la sua visione del mondo dall’essenza delle avanguardie artistiche e scientifiche dell’Occidente. Inoltre sono, per la prima volta, analizzate le fonti dirette o mediate che collegano il pensiero di Queneau ai testi sapienziali della cultura orientale.


La riserva ebraica

Titolo: La riserva ebraica. Il mondo fantastico di Arturo Loria
Autrice: Ernestina Pellegrini
ISBN: 8881030543
Misure: 13X21 cm
Pagine: 176
Illustrazioni: No
Pubblicato: Settembre 1996
Prezzo di copertina: € 12,91
Sconto del 15% applicato al carrello € 10,97

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

“Cosa resta di una identità, quando sono scomparsi il linguaggio e la religione?” si chiedeva Stuart Hughes in Prigionieri della speranza, parlando di alcuni scrittori italiani di origine ebraica (da Svevo a Bassani, da Saba a Moravia). Ernestina Pellegrin i con La riserva ebraica continua il percorso, indagando la presenza fantasmatica dell’ebraicità in uno scrittore emiliano contemporaneo di Silvio d’Arzo e di Antonio Delfini, suggestivo ma poco conosciuto, come Arturo Loria, recentemente valorizzato in ambito critico. Definito da molti lettori “il Kafka italiano”, Loria è l’inventore di racconti straordinari e bizzarri, il prezioso pittore di una realtà e di un’umanità ai margini della vita, in un impasto di ironia, tragicità e disincanto. Il motivo sotterraneo ma potente dell’ebraicità permette di capire alcuni meccanismi con cui la letteratura talvolta reagisce e oppone resistenza alla storia, diventando un meraviglioso spazio di “ riserva ” e di difesa di un’identità minacciata, a dispetto di ogni prevaricazione e di ogni intolleranza. In appendice al libro, un bellissimo saggio di Guido Frank sulla figura dell’ebreo nascosto “mandato in soffitta” nel cinema europeo, da Lubitsch a Truffaut.


I sentieri della creazione

Titolo: I sentieri della creazione
Curatori: Maria Teresa Giavieri e Almuth Grésillon
ISBN: 8881030136
Misure: 13X21 cm
Pagine: 288
Illustrazioni: 50 immagini da manoscritti
Pubblicato: Marzo 1994
Prezzo di copertina: € 18,08
Sconto del 15% applicato al carrello € 15,36

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Indagine collettiva sulla nascita dell ‘opera d’arte e sui processi della creatività, alla luce della tradizione storico-filologica italiana e della critica genetica francese, con l’uso del computer e dell’ipertesto.


In difesa di Giobbe e Salomon Leopardi e la Bibbia

Titolo: In difesa di Giobbe e Salomon Leopardi e la Bibbia
Curatori: Elena Niccoli Brunetto Salvarani
ISBN: 8881030519
Misure: 13X21 cm
Pagine: 176
Illustrazioni: no
Pubblicato: Maggio 1998
Prezzo di copertina: € 12,91
Sconto del 15% applicato al carrello € 10,97

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

“Non si dà l’importanza che merita all’ispirazione biblica della poesia leopardiana. Il fatto stesso che questa accompagni il poeta dall’inizio alla fine, dall’Inno ai Patriarchi a La ginestra, ci assicura che il richiamo all’Ecclesiaste, a Giobbe, al Vangelo di Giovanni non è un vezzo letterario… ” così, oltre vent’anni or sono, Divo Borsotti. Il presente volume, frutto della rielaborazione di due ricerche – una a carattere teologico, l’altra di tipo letterario – mira a colmare una simile lacuna, aprendo la strada all’analisi di un aspetto della produzione di Leopardi che potrà offrire risultati sorprendenti, sulla linea del Grande Codice della Bibbia quale autentico “ fiume carsico ” del suo pensiero. Egli stesso, del resto, lo ammise in uno dei suoi estremi componimenti poetici, fino ad autoproclamarsi difensore di “ Giobbe e Salomon ”, emblemi rispettivamente della lotta eroica contro un Dio quanto mai problematico e dell’annuncio desolato della vanità delle cose umane.


Cose che sono Parole che restano

Titolo: Cose che sono Parole che restano
Autore: Corrado Costa
Curatore: Aldo Tagliaferri
ISBN: 978888103008X
Misure: 13X21 cm
Pagine: 204
Illustrazioni: no
Pubblicato: Marzo 1995
Prezzo di copertina: € 15,49
Sconto del 15% applicato al carrello € 12,29

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

Il libro contiene una scelta di testi che coprono l ‘intera produzione di Corrado Costa, dal 1964, quando compare la sua prima opera di rilievo (Pseudobaudelaire) fino alla pièce inedita Decomposizioni esemplari del 1988, incentrandosi sulle opere di poesia e su alcuni interventi particolarmente adatti ad introdurre alla poetica dell’autore attraverso gli anni. Esponente delle avanguardie poetiche degli anni Sessanta, in particolare di quel Gruppo 63 che ha rappresentato il contributo italiano al rinnovamento del panorama letterario, Costa ne condivide l ‘ansia di superare i limiti convenzionali delle istituzioni poetiche, elaborando però una propria personalissima strategia, fatta di forte impronta ludica, di gusto del paradosso appena venato da parentesi malinconiche. Il libro raccoglie per la prima volta in modo organico un patrimonio in gran parte disseminato in plaquettes e riviste e dà voce a un poeta padano, nazionale e addirittura internazionale (vedi la traduzione in inglese de Le nostre posizioni, a cura dell’amico poeta americano Paul Vangelisti), un”poeta nullafacente che vive felice, entusiasta e irriconoscente”.


Viaggi, amori e avventure nella vita breve di Giovanni Spaggiari

Titolo: Viaggi, amori e avventure nella vita breve di Giovanni Spaggiari
Autore: William Spaggiari
ISBN: 8881034026
Misure: 13X21 cm
Pagine: 96
Illustrazioni: 10 riproduzioni di documenti originali e 10 riproduzioni a colori di paesaggi americani coevi
Pubblicato: Febbraio 2006
Prezzo di copertina: € 15,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 12,75

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Attraverso documenti rari o inediti, rintracciati in archivi italiani e stranieri , il libro racconta la storia di Giovanni Spaggiari , nato a Cadelbosco di Sopra il 7 agosto 1829 e morto in povertà a Londra il 16 settembre 1863. Il personaggio, oggi totalmente sconosciuto, rappresenta un’affascinante combinazione di curiosità enciclopedica, di energie disperse in progetti grandiosi e irrealizzabili , di irrequietezza e insoddisfazione, di puro spirito di avventura. Scrittore di singolare eleganza – come risulta dalle poche opere stampate in pochi esemplari e divenute pressoché introvabili, un manuale di sopravvivenza per i tempi di carestia, una guida geografica della California, una antologia di scrittori italiani, un reportage sull’Australia – Spaggiari concentrò nella breve esistenza un’infinità di occupazioni: geografo, commerciante, traduttore, giornalista, insegnante, esploratore delle terre australi e (forse) cercatore d’oro. Coltivò amicizie con uomini illustri, da Giuseppe Mazzini (di cui divenne per breve tempo segretario) ad Antonio Panizzi, fino a Herman Melville; fu anzi, in assoluto, uno dei primi a tradurre in italiano alcune pagine dell’autore di Moby Dick.


La città tragica

Titolo: La città tragica. L’(an)architettura come (de)costruzione
Autore: Alberto Bertagna
ISBN: 8881034476
Misure: 16X23 cm
Pagine: 176
Illustrazioni: 45 fotografie in b/n e a colori
Pubblicato: Marzo 2006
Prezzo di copertina: € 22,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 18,70

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Il libro vuole essere un’occasione per riflettere sul rapporto, dialettico, tra architettura e paesaggio: partendo dalle categorie nietzschiane di “apollineo” e “dionisiaco”, l’autore propone un originale punto di vista sull’architettura come disciplina “tragica” , votata – come la morale e la religione – alla propria autosoppressione, nel prevalere dell’indeterminato e dell’indefinito nello spazio contemporaneo. “La città tragica” mette in scena la tragedia della città. La città, che è l’oggetto della rappresentazione, ne diventa contemporaneamente il soggetto, interpretando se stessa come persona di una vicenda in cui dialetticamente si mostra in tutta la sua complessità: provando a definire i propri confini, tracciando il proprio spazio, ecco che lo consuma, e svanisce tragicamente la sua illusoria evidenza.


Mettere giudizio

Titolo: Mettere giudizio. 25 occasioni di critica militante
Autore: Bruno Pischedda
ISBN: 8881034441
Misure: 13X21 cm
Pagine: 240
Illustrazioni: No
Pubblicato: Settembre 2006
Prezzo di copertina: € 16,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 13,60

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

C’è chi la chiama sociologia della letteratura, ma è critica letteraria applicata, senza sconti o compiacimenti di mestiere. Il lettore vi troverà una ricca panoramica della narrativa italiana recente e recentissima: da Testori a Busi, da Parise a Satta a Lalla Romano a Tadini; comprendendo Benni, Gasperini, Tamaro, Fallaci, Baricco. In un momento in cui è facile dare la critica per morta, o agonizzante, Pischedda con questo libro sembra rilanciare. E per formazione, per storia personale, non smette di riflettere su una modernità di massa che insieme toglie e dà; che include più che omologare, e che tutti quanti ci accoglie, i volenti e i nolenti più arrabbiati.


Le questioni del canone e del realismo

Titolo: Le questioni del canone e del realismo. Due casi: “Le terre del sacramento” e “Metello”
Autore: Giovanni Ronchini
ISBN: 9788881034772
Misure: 13X21 cm
Pagine: 255
Illustrazioni: No
Pubblicato: Maggio 2007
Prezzo di copertina: € 18,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 15,30

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Il lungo dibattito intorno alla questione del canone letterario pare giunto ad alcune conclusioni di ordine teorico: il canone sarebbe, in estrema sintesi, una poetica e un catalogo. Questo libro, oltre a fare il punto di tale dibattito, sottopone a verifica la validità di tali assunti attraverso l’analisi mirata di alcune opere, per comprendere il senso dei verdetti del canone, facendo interagire i metodi e le tecniche più accurate con un’attenzione “sociologica” ai testi, e nella convinzione che un prodotto artistico possa essere osservato tanto nei suoi meccanismi e nelle sue specifiche articolazioni, quanto alla luce delle relazioni che l’hanno generato e che ne determinano la diffusione. A questo scopo Le terre del Sacramento di Francesco Jovine e Metello di Vasco Pratolini – romanzi che, pur nella diversità della loro fortuna critica, condividono una permanenza precaria all’interno della nostra memoria collettiva al di là delle fiction televisive – sono stati estremamente utili a questo studio, in quanto pietre angolari della poetica del realismo: forse l’ultima scommessa letteraria totalizzante e l’ultimo complesso e affascinante tentativo di dare vita a un canone nuovo.


Al miglior mugnaio

Titolo: Al miglior mugnaio. Adriano Spatola e i poeti del Mulino di Bazzano
Autore: Eugenio Gazzola
ISBN: 9788881035694
Misure: 13X21 cm
Pagine: 216
Illustrazioni: No
Pubblicato: Febbraio 2008
Prezzo di copertina: € 17,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 14,45

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

È il primo libro che ricostruisce , sotto il doppio profilo storico e critico, le vicende di Adriano Spatola e dei poeti e artisti che frequentarono, lavorando o bivaccando, la corte del Mulino di Bazzano, una minuscola località dell’Appennino emiliano tra Parma e Reggio Emilia, che negli anni Settanta divenne redazione della casa editrice Geiger e della rivista “Tam Tam”. Giulia Niccolai, Corrado Costa, Gerald Bisinger, Julien Blaine, Nanni Balestrini, Giuliano Della Casa, Claudio Parmiggiani, Henri Chopin, Jean-François Bory, Arrigo Lora-Totino furono, tra gli altri, i protagonisti di una stagione che, all’indomani del Sessantotto, raccolse nell’antica corte rurale della famiglia Costa i frammenti della Neoavanguardia, dando vita a una “repubblica della poesia” votata alla completa indipendenza, una fabbrica letteraria che si volle autonoma dall’industria culturale e dalla prassi corrente della produzione editoriale.


La costanza della ragione

Titolo: La costanza della ragione. Il tempo e la storia del Requiem di Mozart
Autore: Anna Rastelli
ISBN: 9788881035199
Misure: 16X23 cm
Pagine: 280
Illustrazioni: 30 fotografie in b/n
Pubblicato: Marzo 2008
Prezzo di copertina: € 16,50
Sconto del 15% applicato al carrello € 13,69

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Racconto dell’avventura intellettuale e musicale, personale e storica degli ultimi mesi di Wolfgang Amadeus Mozart. Nel luglio del 1791 – mentre in Europa intellettuali e artisti coltivano il sogno di un’umanità rinnovata dalla Rivoluzione -Mozart a Vienna compie la sua personale rivoluzione musicale, con capolavori come Il Flauto Magico, sempre in compagnia della partitura dell’ultima composizione lasciata incompiuta, il Requiem. La costanza della ragione è un libro in cui documentazioni originali e ricerche approfondite illuminano anche i lati meno conosciuti o addirittura ignoti della storia del Requiem mozartiano. Grazie all’approfondito studio e alla traduzione – inedita – dell’epistolario mozartiano, il libro trova dunque fondamento non solo nell’analisi delle partiture e delle condizioni storico-sociali, ma anche nelle preziosissime fonti dirette. Questa ricerca ha portato l’autrice a rintracciare una serie di persone e storie poco note e a seguire intuizioni personali, a indicare somiglianze, appartenenze, connessioni con l’oggi, attraverso la voce dei protagonisti e l’interpretazione delle loro emozioni.


La fantasia del reale. Esopo e la favola

Titolo: La fantasia del reale. Esopo e la favola
Curatori: Nicola S. Barbieri e Annamaria Contini
ISBN: 9788881035489
Misure: 13X21 cm
Pagine: 208
Illustrazioni: 8 tavole in b/n e 12 a colori
Pubblicato: Aprile 2008
Prezzo di copertina: € 18,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 15,30

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

Accompagnata dai colorati quadri di Francesco Fontanesi, e dalle storiche incisioni che illustrano alcune delle più note favole di Esopo, il volume ne propone un’originalissima rilettura. Proprio per restituire unicità e importanza alla favola, il testo intreccia un dialogo a più voci con interventi di pedagogisti e di esperti di letteratura per l’infanzia. Il risultato è un percorso ricco e stimolante, che si interroga sul perché la favola sia oggi, nella letteratura per bambini, così marginalizzata. Contro gli stereotipi che sempre impoveriscono il senso, la ricerca qui condotta propone nuove e più articolate possibilità di significato della favola, dei suoi connotati “morali”, e della sua originalità narrativa, sempre gradita ai bambini, anche a quelli di oggi nell’era di internet.


Dibattito su Rossellini

Titolo: Dibattito su Rossellini
Curatore: Gianni Menon
ISBN: 9788881036097
Misure: 16X23 cm
Pagine: 184
Illustrazioni: 30 tra fotografie e fotogrammi da film
Pubblicato: Settembre 2009
Prezzo di copertina: € 19,50
Sconto del 15% applicato al carrello € 16,52

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

I testi di un dibattito, svoltosi in tre giornate a Pisa nella primavera del 1969 sul cinema di Roberto Rossellini, vengono riproposti oggi in una nuova edizione come un documento di notevole interesse storico: non soltanto per la partecipazione dello stesso Rossellini, ma per l’inusuale atteggiamento critico con il quale viene affrontata la filmografia di uno dei cineasti più difficili all’analisi e alle categorizzazioni. Al dibattito del 1969, coordinato da Gianni Menon e Adriano Aprà, presero parte studenti e giovani da tutta Italia, tra cui futuri registi, sceneggiatori, critici e direttori di festival. Ognuno portava con sé un bagaglio culturale e ideologico in formazione che permette di capire molto bene il fermento critico intorno al cinema italiano alla fi ne degli anni Sessanta. Soprattutto, di capire il ruolo enigmatico di un padre del cinema italiano, da più parti messo in discussione, come Rossellini. Il volume è da anni introvabile, assente anche in molte delle migliori biblioteche “rosselliniane”, contiene alcuni spunti degni di nota da contestualizzare, ma che hanno poi trovato credito e fortuna storico-critica. La nuova edizione proposta, per la cura di Adriano Aprà, moderatore all’epoca e oggi studioso di Rossellini di fama internazionale, vuole mettere il lettore di fronte a un documento storico e al contempo collocarlo nella giusta prospettiva interpretativa.


A partire da ciò che resta

Titolo: A partire da ciò che resta – Forme memoriali dal 1945 alle macerie del Muro di Berlino
Autrice: Elena Pirazzoli
ISBN: 9788881036882
Misure: 16X23 cm
Pagine: 256
Illustrazioni: 155 fotografie in b/n
Pubblicato: Ottobre 2010
Prezzo di copertina: € 18,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 15,30

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

 

L’arte e l’architettura della memoria etica e collettiva del secondo Novecento. Le catastrofi del Novecento – sterminio, genocidio, totalitarismo, bomba atomica – hanno determinato esigenze di ricordo e rappresentazione, spesso confluite in progetti per monumenti della/alla memoria. Ma la complessità degli eventi, unita ai mutamenti della percezione del ricordo, hanno reso la forma monumentale al tempo stesso inadeguata, eccessiva e insufficiente: sproporzionata. Questo saggio attraversa tali trasformazioni, generate in particolare dalle modalità con cui si è cercato di rendere memoria della Shoah e della seconda guerra mondiale, fino ad arrivare a eventi più recenti, come la caduta del Muro di Berlino. Il tema, a prima vista di carattere architettonico e artistico, viene presentato nel suo necessario intreccio con problemi politici e identitari, che sono stati spesso i motivi reali sottesi a ricostruzioni e cancellazioni. Le forme memoriali si aprono a un ampio spettro di possibilità, innescate dalla presenza di tracce, residui, relitti – macerie, e non rovine – del Novecento europeo, spesso imbarazzanti per il loro portato di ambiguità, manipolazioni di popoli, adesioni di massa, rimozioni.


Voci sorde

Titolo: Voci sorde
Autore: Bernard-Marie Koltès
Curatore: Luca Micheletti
ISBN: 9788881037643
Misure: 13X21 cm
Pagine: 112
Illustrazioni: No
Pubblicato: Settembre 2013
Prezzo di copertina: € 12,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 10,20

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

Un dialogo aperto tra la morte e l’amore, uno scambio esistenziale di sentimenti ed emozioni. Koltès è considerato uno dei rappresentanti più significativi della nuova drammaturgia francese, la cui impetuosa scrittura ha investito, innovandolo profondamente, il sistema delle convenzioni sceniche contemporanee. Il volume presenta la prima traduzione italiana di un suo copione “disperso” ed emblematico – Des voix sourdes (1974), nato come radiodramma – cui s’accompagna un’indagine critica della produzione drammaturgica di Koltès all’altezza dei primi anni Settanta, periodo in cui andavano formandosi alcuni cardini concettuali ed estetici che saranno poi della sua poetica matura, inscritta en abyme nelle sue opere giovanili e stretta tra gli strani e contraddittori confini d’un postmodernismo engagé e d’una rêverie tutta borghese.


I minimi sistemi e altre storie

Titolo: I minimi sistemi e altre storie
Autore: Corrado Costa
Curatore: Eugenio Gazzola
ISBN: 9788881038039
Misure: 16X23 cm
Pagine: 128
Illustrazioni: No
Pubblicato: Marzo 2014
Prezzo di copertina: € 15,00
Sconto del 15% applicato al carrello € 12,75

Clicca qui o sull’immagine per acquistare il libro

 

Il volume riunisce testi inediti di Corrado Costa scritti alla fine degli anni Ottanta: tre racconti e un testo tetatrale, in cui le due personalità dell’autore – l’avvocato e il poeta che si contendono eternamente la scena dietro alla medesima maschera – si incontrano nelle retrovie del processo a Galileo, con prelati teologi a un tempo inquisitori e inquisiti (I minimi sistemi); e tra le pieghe di una indagine giudiziaria condotta tra personaggi grotteschi: artisti, amanti irregolari, perdigiorno, possidenti rentiér, criminali, sullo sfondo della tranquilla provincia parmense (Poche storie).